La via dello sport

Trekking

Descrizione

E’ molto semplice individuare nel percorso autostradale, aree e sentieri per poter praticare uno sport assai diffuso, il trekking.

Dall’inglese “to treK”, etimologicamente indica il camminare lento, proprio all’escursione. Si svolge prevalentemente nelle aree montuose e, talvolta, può essere accompagnato da attività naturalistiche quali l’individuazione di specie botaniche, lungo il percorso. Caratterizzato da un profondo rispetto per l’ambiente circostante, può essere caratterizzato anche da escursioni a cavallo, escursioni in mountain bike, escursioni in canoa ed anche dallo sci di fondo.

Da segnalare il Trekking Cilento Agropoli, Associazione sita nell’omonima cittadina attiva sin dal 1998 .

Promuove passeggiate e visite nelle vie escursionistiche e nei sentieri del territorio cilentano.

Affiliata alla Federazione Italiana Escursionismo, ha come obiettivo principale la promozione, attraverso le escursioni, delle prerogative del territorio.

Particolarmente suggestiva l’escursione fatta in notturna nel cuore del Parco del Pollino, con l’obiettivo di scoprire, sulla Serra delle Ciavole, numerose specie di pino loricato, particolari alberi di grandi dimensioni, dall’aspetto monumentale ed anche di trovare i resti fossili di molluschi estinti , definiti rudisti.

Suggestive le escursioni sui Monti dell’Orsomarso, Il Piano di Lanzo, nel Comune di S. Domato di Ninea, sul versante occidentale del Parco, sino alla vetta Di Cozzo Pellegrino.

Altrettanto suggestive le escursioni denominate “Il Giro dei Piani”, con visita a Il Piano dell’Erba, Il Piano di Novacco, il Piano di Scifarelli, il Piano di Caramolo, il Piano del Minatore. Assai suggestivi, in Sila gli itinerari nel Parco Fluviale di Camigliatello.

Realizzato nel 2009, si offre a tre tipologie di percorsi: il Sentiero arcobaleno, di 2,5 Km, il Sentiero della salute di 2 Km con un area parco giochi, il Sentiero delle fontane di 3,2 Km caratterizzato dalla presenza di numerose fontane, lungo il percorso.

 Trekking in Aspromonte

L’itinerario dello scrittore Londinese Edward Lear ha caratterizzato “Il Trekking dell’Inglese”, cosi descritto dallo scrittore nato a Londra nel 1812 nel suo “Viaggio in Calabria: Rocce, burroni, boschi, vallate così mescolati da formare un panorama straordinario”.

Il suo itinerario da Reggio Calabria a Gerace viene chiamato il Trekking dell’Inglese. Ogni anno viene percorso, attraversando località di incredibili bellezze, ai più sconosciute .

Da Gallico Marina a Gambarie, all’interno del Parco Nazionale d’Aspromonte, alla S.S. 183 , ai tornanti che portano alla fiumara di Melito, Bagaladi, San Lorenzo, ai borghi grecanici disseminati sulle falde dell’Aspromonte in un percorso ricco di fascino e suggestioni, ad ammirare la bellezza di una natura incontaminata e la frescura di piante secolari.

Torna a La via dello sport

Scopri le Eccellenze