La via della fede

Lamezia Terme / CZ

Cattedrale dei SS. Pietro e Paolo

Descrizione

L’attuale edificio pare sia legato a costruzioni precedenti: la prima, molto piccola, di epoca bizantina che fu distrutta dai Saraceni; con l’arrivo dei Normanni fu fatta costruire una nuova Cattedrale normanna, dedicata ai SS. Pietro e Paolo, titolari della Chiesa di Roma; con il terremoto del 1638 la Cattedrale normanna andò distrutta.

A quel punto si scelse di costruirla non più sulle rovine delle altre, ma fu scelto un altro luogo, quello attuale, sebbene vennero utilizzati molti materiali prelevati dalla precedente costruzione: furono riadattati i pilastri e gli archi in tufo della navata centrale; l'altare del crocifisso in porfido grigio fu ricostruito totalmente, con la nicchia dello stesso crocifisso ligneo rinvenuto in ottimo stato sotto le macerie.

L’ avvio dei lavori fu reso possibile grazie al contributo del vescovo Tommaso Perrone, ottenuto dalla vendita di un suo terreno a Rossano, suo paese natale. La vicenda, tra l’altro, è ricordata sulla sua lapide, che un tempo era posta al centro sulla facciata della Cattedrale e che ora è al suo interno.

Nel 1925 la facciata barocca venne riadattata in stile neoclassico con quattro busti monumentali: S. Pietro e S. Paolo e le figure dei papi Marcello II e Innocenzo IX che furono Vescovi di Nicastro.

Torna a La via della fede