La via dei castelli

Piazza Musolino, 2, 89812 Pizzo VV, Italia

Castello di Pizzo

Descrizione

Costruito nel XV secolo da Ferdinando I d’Aragona, il castello di Pizzo è caratterizzato da due torrioni cilindrici angolari. La torre mastra è di origine angioina e risale al 1380. È passato alla storia come Il Castello di Murat, dal momento che Gioacchino Murat, Re di Napoli e cognato di Napoleone Bonaparte, vi fu rinchiuso a seguito del fallito tentativo di riconquistare il Regno di Napoli, tentando di far sollevare la popolazione contro Ferdinando IV di Borbone. Partito da Ajaccio per approdare a Salerno, fu dirottato da una tempesta in Calabria, dove sbarcò l’8 ottobre 1815 nel porticciolo di Pizzo. Intercettato dalla Gendarmeria Borbonica, Murat fu arrestato, rinchiuso nelle carceri del castello e condannato a morte, pena massima per chi si fosse reso autore di atti rivoluzionari, secondo il Codice Penale che lui stesso aveva promulgato. Affrontando il plotone di esecuzione, che lo avrebbe fucilato il 13 ottobre 1815, si comportò con grande fermezza, rifiutando di farsi bendare e invitando i soldati a risparmiare il volto e a mirare al cuore.

Video

Torna a La via dei castelli

Altafiumara
Scopri le Eccellenze